HEADER_intervista_-Leopoldo-Mauriello

A talk with Leopoldo Mauriello - DotFarm

Scopriamo come l'Immersive Marketing si riveli sempre più efficace per migliorare l’in-store Customer Experience: ne parliamo con Leopoldo Mauriello, Creative Director e Co-founder di DotFarm.

Ciao Leopoldo, in che modo la Realtà Aumentata è utilizzata oggi nel contesto Retail?

Si tratta di scenari ancora in forte trasformazione, ma sicuramente il mondo retail sta iniziando ad approfittare dei grandi vantaggi che questa tecnologia offre, producendo nuovi micro-content. L’AR può mostrare contenuti contestuali ogni qualvolta l’utente si trova ad inquadrare con lo smartphone un prodotto specifico, un simbolo o un oggetto predefinito.

È una dinamica di fruizione che migliora non solo le possibilità di vendita, ma anche le occasioni di dialogo con il brand.

Tuttavia, siamo solo all’inizio. Dal punto di vista delle applicazioni business c’è ancora tanto margine di sviluppo. Penso sicuramente alle integrazioni dei processi di “InStore Assistant” e “Caring Post vendita”, ma soprattutto al data-collecting, poiché l’AR permette di raccogliere dati contestuali, che uniti a sistemi di AI e Deep learning ci forniscono modelli predittivi e realistici soprattutto a vantaggio del consumatore.

LeopoldoMauriello1_795x529

Quali nuove applicazioni possiamo aspettarci nell’era post-covid?

In questo mercato come in altri, il Covid ha fortemente accelerato alcune tendenze di digital transformation già in atto. Nello specifico:

  • Cashless experience: non avere più la cassa è oggi principalmente una possibilità di gestire il distanziamento, ma di conseguenza cambiano i modelli di flusso del retail tradizionale.
  • Gamification: se non puoi coinvolgere l’utente con gli eventi, devi includerlo in una narrativa premiante e diluita nel tempo.
  • Augmented Store: le applicazioni AR rendono i prodotti “parlanti”, questo rende il retail sempre più simile agli spazi museali.

Nei prossimi due anni ci aspettiamo un’ulteriore spinta a queste applicazioni grazie ad un’ondata di nuovi hardware wearable, specifici per l’AR (soprattutto occhiali).

In che modo AR, VR e l’immersive marketing possono migliorare l’in-store Customer Experience?

Il tempo dei consumatori viene decisamente ottimizzato, perché puoi conoscere in anticipo le disponibilità di alcuni prodotti (es. taglie, colori, versioni…) e completare l’esperienza d’acquisto senza fila alla cassa.

Ma soprattutto migliora la qualità del dialogo tra customer e brand /prodotto grazie a un continuo dialogo “phygital”.

In poche parole il dialogo permette di avere un’esperienza di acquisto con più intrattenimento e proposte realmente interessanti, oltre a processi più efficienti.

LeopoldoMauriello2_795x529

Quali obiettivi tangibili di marketing e business un'experience immersive all’interno degli store?

Il bello delle esperienze digitali è che sono tracciabili… ma le esperienze AR si tracciano ancora meglio perché contestuali. Possiamo registrare meglio comportamenti e abitudini dei target (in forma totalmente rispettosa della privacy) utili per la creazione di nuovi modelli predittivi.

In sintesi l’obiettivo principale è migliorare gli obiettivi di vendita con la logica della personalizzazione, ma contenendo i costi di sviluppo come in una tipica strategia scalabile.

Cosa significa fare innovazioni attraverso l’immersive marketing?

L’Immersive Marketing è essenzialmente micro-innovazione. Noi non facciamo innovazione di sistema, ma miglioriamo pezzi di esperienza e acquisiamo dati. Questo significa potenziare e non mutare le dinamiche in atto, letteralmente “aumentiamo” a piccoli passi brand e prodotti. È un punto cruciale, perché si tratta di innovare con una tecnologia che è allo stesso tempo di easy adoption e fortemente abilitativa.

  
Interviste web_category

Softec S.p.a.

Headquarter
Piazzale Lugano 19
20158 Milano, Italia

Tel: +39 02 89968.1
Fax: +39 02 89968.556