HEADER_21identitymanager

Identity manager e Zero Trust: cosa significa sicurezza al giorno d'oggi

Come puoi collegare la gestione delle identità e lo Zero Trust? Perché ora sono entrambi così cruciali per la cyber security?
La gestione delle identità rappresenta il fondamento di tutta la sicurezza informatica aziendale; copre una vasta gamma di funzionalità e strumenti cruciali, tra cui autenticazione, autorizzazione e monitoraggio. Zero Trust, come già sappiamo si riferisce non a un prodotto ma a una metodologia di sicurezza informatica generale basata sul principio: non fidarti mai, verifica sempre.

In termini pratici, ciò significa garantire che gli utenti siano chi dicono di essere ogni volta che accedono, indipendentemente dal numero di volte in cui hanno richiesto l’accesso. Ricorda, ogni tentativo di accesso rappresenta un potenziale tentativo di violazione da parte di attori esterni o interni dannosi. Mantenere un perimetro Zero Trust è più importante che mai con l’aumento delle minacce informatiche online.
Di conseguenza, l’integrazione della gestione delle identità in un modello Zero Trust può rafforzare significativamente la cyber security. Ma dove si intersecano la gestione delle identità e lo Zero Trust? In che modo possono aiutare la Cyber Security?

Identity Management e Zero Trust: cosa significa sicurezza al giorno d’oggi

Autenticazione a più fattori (MFA)

Un modo in cui la gestione delle identità e lo Zero Trust si intersecano e creano un perimetro digitale più forte è attraverso l’autenticazione a più fattori. MFA pone molteplici ostacoli e controlli tra l’utente e il database durante la fase di richiesta di accesso. Non tutti i fattori possono essere evidenti da un’esperienza utente: molti potrebbero richiedere informazioni contestuali come l’ora della richiesta di accesso, la posizione geo-referenziata e il dispositivo utilizzato per l’accesso.
Facendo passare ogni dipendente attraverso questo ampio processo di autenticazione, ci si assicura che il sistema non consenta solo agli utenti di accedere senza verifica. Invece, cerchi costantemente le discrepanze e si assicuri che ogni autenticazione rimanga corretta.

img1_795x529_21identitymanager

Autenticazione continua

Tuttavia, se si vuole davvero mostrare il meglio dello Zero Trust, non ci si può fidare degli utenti e dei loro account anche dopo che abbiano superato con successo i criteri di accesso. Anche il più esteso sistema di autenticazione a più fattori può essere sovvertito o compromesso da aggressori esterni. Se un hacker raccogliesse le informazioni giuste, potrebbe comunque impossessarsi dell’account e causare danni.
A meno che, naturalmente, il tuo sistema non tenga sempre sotto controllo tutti gli account, cercando eventuali discrepanze dai comportamenti di base stabiliti. Lo Zero Trust impone il monitoraggio continuo in modo da notare fin da subito la compromissione degli account tramite richieste e azioni insolite.

Gestione dell’identità e questioni di Zero Trust

Un’azienda non può sopravvivere nell’era moderna della Cyber Security con un perimetro digitale poroso e affidabile. La recente ondata di attacchi informatici alle aziende di tutte le dimensioni dovrebbe convincere tutti a imporre regole di autenticazione più rigorose e a tenere d’occhio i propri account.
Ricorda, la ricerca indica che le violazioni dei dati e altri errori di sicurezza informatica spesso comportano l’abbandono di massa di interi marchi da parte dei clienti.

D’altronde chi affiderebbe i propri dati ad un’azienda che ha dimostrato di non poterli tenere al sicuro da occhi indiscreti?

Written by   tag distribuzione

  
Articoli piattaforme_tech_robotica

Softec S.p.a.

Headquarter
Viale Jenner 53
20159 Milano
Italia