Realtà aumentata: 4 applicazioni nel mondo Retail

Il Covid-19 ha permesso un'evoluzione esponenziale di tecnologie e prodotti per il virtuale, spingendo il Retail a direzionarsi su nuove esigenze per il futuro con un'anticipazione di circa 5 anni.

La realtà aumentata (Augmented Reality) è parte integrante ormai da alcuni anni delle realtà Retail, andando a fornire features speciali all'utente nell'esperienza in-store e da casa. Si pensi al "try-before-you-buy" di IKEA, che mostra in anteprima mobili e prodotti nella propria casa solo con l'uso della fotocamera del proprio smartphone, o a prove virtuali in negozio di abbigliamento di lusso come Louis Vuitton e Gucci. Una

volta che una l'AR è stata assimilata dall'utente come funzione piacevole da provare, questa è diventata rapidamente una tecnologia essenziale per i rivenditori.

Nel momento in cui, per condizioni di sicurezza sanitaria, sono stati chiusi temporaneamente i negozi fisici, la maggior parte dei seller che ancora non avevano adottato questa tecnologia si sono dovuti convertire all'AR per poter fornire non solo un'esperienza piacevole ai clienti, ma anche per rimanerci in contatto

In che modo l'AR è applicata al Retail e quali sono i benefici

Con la riapertura di molti negozi fisici, l'utente non sottovaluta la condizione sanitaria in-store. L'igiene e la sicurezza sono una priorità assoluta. In particolare nel settore del retail, dove il cliente entra a diretto contatto con il prodotto che vuole acquistare, i rivenditori si sono dovuti rivolgere necessariamente all'AR per poter testare digitalmente migliaia di prodotti per assistere nelle decisioni di acquisto.

retail realtà aumentata

Secondo un sondaggio di Nielsen del 2019, i consumatori hanno elencato AR e VR (Virtual Reality) come le migliori tecnologie integrate nella loro vita quotidiana. Infatti, più della metà dei partecipanti al sondaggio ha dichiarato di essere disposta a utilizzare questa tecnologia per valutare i prodotti fisici testati virtualmente. Visto l'interesse per queste tecnologie rispetto all'anno scorso, l'engagement con l'utente non può che aumentare quest'anno, visto che abbiamo assistito al passaggio dell'AR dall'essere a volte ingannevole a risolvere i veri punti deboli per i clienti, soprattutto nel momento di pandemia.

I benefici della realtà aumentata

L'utilizzo della realtà aumentata porta benefici non solo al cliente che sta testando i prodotti, ma anche al rivenditore che sta promuovendo il proprio marchio online.

Per il cliente i vantaggi sono:

  • possibilità di testare prodotti da casa senza l'obbligo di recarsi in negozio o acquistarli
  • avere anteprime di prodotti non ancora in vendita o non reperibili negli store locali

Per il rivenditore i vantaggi sono:

  • rimanere in contatto con i propri clienti e acquisirne di nuovi grazie all'AR come touchpoint di engagement
  • sponsorizzare i propri prodotti utilizzati virtualmente dai clienti tramite tecniche di merchandising online, in particolare sui social network
  • garantire un'esperienza simile a quella in-store con le comodità che l'utente si aspetta (try-on, consulenza, assistenza clienti)

Alcune applicazioni dell'AR nel settore Retail in epoca di pandemia

Malgrado la realtà aumentata, come si è accennato prima, faccia da tempo parte delle realtà Retail, alcuni brand si sono attrezzati per venire incontro alle esigenze degli utenti che, impossibilitati dal recarsi negli store, hanno comunque la necessità di fare acquisti e rimanere in contatto con i propri marchi preferiti.

Sephora

In risposta alla pandemia, i rivenditori di prodotti di bellezza come Sephora vietano ai clienti di testare fisicamente i prodotti per il trucco sulla loro pelle. In questo caso l'AR diventa il supporto perfetto per aiutare gli utenti a provare digitalmente migliaia di prodotti di bellezza per assistere nelle decisioni di acquisto

augmented reality instore

Con il partner di realtà aumentata Modiface, Perch "il Virtual Artist" offre un'esperienza che coinvolge immediatamente l'acquirente mentre si avvicina al display interattivo. Sephora rende facile e sicuro provare il make up sulla propria pelle, senza dover utilizzare dischetti struccanti o prestare attenzione all'uso dei tester. 

Kohl's

I rivenditori stanno anche iniziando a utilizzare la tecnologia AR per reinventare l'esperienza di acquisto digitale. In questo contesto, Kohl's ha collaborato con Snapchat per creare "Kohl's AR Virtual Closet". Utilizzando uno smartphone e l'app Snapchat, i consumatori possono entrare in un armadio virtuale, provando tutti gli articoli a disposizione comodamente da casa. 

Gli articoli disponibili per l'acquisto nell'armadio virtuale AR di Kohl vengono continuamente aggiornati in base alle esigenze dei consumatori. L'esperienza è stata lanciata a maggio con le collezioni primaverili e per poi spostarsi su un assortimento di articoli più ampio.

Timberland

Senza soffermarci sulle comodità da casa come nel caso precedentemente descritto, altri brand si sono preoccupati di mettere a proprio agio i clienti negli store fisici senza andare a penalizzare la user experience. Timberland, grazie all'uso di digital fitting rooms, o camerini virtuali, consentono all'utente di provare con una prospettiva a 360° l'abbigliamento desiderato. Grazie ad una fotocamera integrata, il monitor di fronte all'utente sovrappone gli abiti 3D alla figura della persona, senza che essa debba cambiarsi. 

Realtà aumentata per il retail

Supermercati ed e-commerce

Anche le grandi catene di retail che gestiscono l'e-commerce, si sono dovute adattare alle esigenze del pubblico. In supporto alla vendita tradizionale in negozio, anche la realtà aumentata in questo caso è necessaria. Campagne come live streaming ed eventi virtuali sono all'ordine del giorno. Se lo store non è attrezzato come IKEA per la prova dei prodotti da casa, il brand deve avvicinarsi sempre di più all'utente con il prodotto fisico. Da qui deriva l'implementazione di servizi di spedizione da casa, customer care e resi all'acquisto.

Il "vecchio" approccio con cui interagiamo nel mondo reale rispetto al prodotto e al brand non esiste più e, in molti casi, la pandemia è stata un catalizzatore di questa trasformazione digitale. La vendita al dettaglio fisica dovrà continuare ad evolversi e l'AR porterà un enorme valore per i consumatori nel percorso di acquisto. Ora è il momento per i Retail non solo di reinventare la vendita in-store, ma di catapultare queste esperienze virtuali di acquisto nel futuro.

  
Articoli retail_phygital_experience

Softec S.p.a.

Headquarter
Piazzale Lugano 19
20158 Milano, Italia

Tel: +39 02 89968.1
Fax: +39 02 89968.556