Come l'AI Chatbot potenzia la Smart Factory

Sono sempre più numerose le aziende che, nel loro percorso di digital transformation, impiegano assistenti virtuali basati su sistemi di intelligenza artificiale, non solo per migliorare la customer o employee experience, ma anche per rendere più efficienti i propri processi interni.

Abbiamo già parlato della diffusione dei chatbot a supporto del customer service di aziende di ogni settore, oltre che della comunicazione interna e della formazione professionale dei propri dipendenti; in questo articolo, ci focalizzeremo sul ruolo che i chatbot possono avere nella trasformazione di una fabbrica tradizionale in una smart factory, espressione del modello produttivo peculiare dell’Industria 4.0.

Grazie alla diffusione dei sistemi di messaggistica istantanea, l’impiego dei chatbot ha subito negli ultimi anni un’impennata senza precedenti, alimentata, da una parte dall’accessibilità ecomomica di questo tipo di soluzione per le aziende (investimento ridotto a fronte di un enorme risparmio in termini di costi), dall’altra dalla semplicità d’uso e potenziale disponibilità 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per l’utente finale.

Il mercato dei chatbot registra una crescita costante e promette di rivelarsi sempre più redditizio per le aziende che punteranno su questo tipo di soluzione: secondo Grand View Research, la dimensione globale di questo mercato, pari a 3,7 miliardi di dollari nel 2019, crescerà fino al 2027 con un tasso di crescita annuale del 34%.

Per molte aziende, per esempio del settore manifatturiero e telco, ma anche per banche e assicurazioni, i chatbot si trovano a svolgere un ruolo trainante per l’adozione di soluzioni di intelligenza artificiale all’interno dei propri processi produttivi.

In questi contesti industriali, si assiste allo sviluppo di chatbot sempre più sofisticati: meno “tuttologi” e più specializzati in tematiche e funzionalità specifiche e complesse.

Oltre che uno strumento efficace ed efficiente per la gestione delle attività di customer ed employee care, i chatbot si affermano come una delle tecnologie chiave del nuovo factory model, frutto della cosiddetta quarta rivoluzione industriale.

Identikit di una Smart Factory

Protagonista dell’Industria 4.0, è la “fabbrica intelligente”, o smart factory, caratterizzata dai seguenti tratti distintivi:

  • smart production: impiego di tecnologie produttive in grado di abilitare la collaborazione tra tutti gli attori ed elementi coinvolti nel processo produttivo (operatori, strumenti, macchine).
  • smart service: sviluppo di infrastrutture informatiche che abilitano l’integrazione e la collaborazione tra i diversi sistemi di un’azienda, tra aziende diverse e tra aziende e strutture esterne (es. sistema stradale, gestione dei rifiuti..).
  • smart energy: adozione di sistemi in grado di ridurre gli sprechi di energia, in linea con i principi della sostenibilità.

Pillar di questo nuovo modello industriale sono i sistemi cyber-fisici (CPS) cioè sistemi fisici connessi con sistemi informatici, che possono interagire con altri sistemi CPS, in un’ottica di collaborazione.

Alla base di questo modello vi è l’adozione di tecnologie definite abilitanti, che rendono possibile l’automazione dei processi e la gestione e lo scambio di gigantesche quantità di dati lungo l’intera catena del valore della produzione, attraverso sistemi aperti.

Quali sono le tecnologie abilitanti di una smart factory?

L'Osservatorio Industria 4.0 del Politecnico di Milano distingue le tecnologie abilitanti in due macro tipologie di tecnologie digitali:

Tecnologie dell'Informazione (IT)

  • Industrial Internet of Things: tecnologie basate su smart objects e reti intelligenti.
  • Industrial Analytics: tecnologie in grado di sfruttare le informazioni contenute nei Big Data.
  • Cloud Manufacturing: applicazione del Cloud Computing in ambito manifatturiero.

Tecnologie Operazionali (OT)

  • Advanced Automation: sistemi di produzione automatizzati, interconnessi e modulari, come la Robotica avanzata (robot collaborativi o “cobot”). 
  • Advanced Human Machine Interface (HMI): nuove interfacce uomo/macchina, come i dispositivi wearable.
  • Additive Manufacturing: sistemi di produzione che aumentano l'efficienza dell’uso dei materiali.

Nell’infografica sono riassunte le principali tecnologie abilitanti dell’Industria 4.0:

Img1ai-chatbot-smart-factory

Chatbot: agenti speciali di conversazione tra uomo e macchine

A fianco alle tecnologie abilitanti, un ruolo chiave in questo scenario possono rivestirlo proprio i chatbot che, in qualità di interfacce conversazionali, si pongono come cruciale strumento di comunicazione uomo–macchina.

Se è infatti vero che l’automazione rappresenta una delle peculiarità chiave dell’Industria 4.0, la centralità dell’uomo in termini di responsabilità decisionale non è messa in discussione.

L’industria 4.0 non punta a sostituire l’uomo con le macchine, ma a sviluppare nuovi modelli di interazione e collaborazione tra l’operatore umano da una parte e robot, sensori e macchine connesse dall’altra, sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie digitali.

Una delle soluzioni più innovative ed efficaci per connettere in tempo reale lavoratori in carne e ossa e robot o dispositivi IoT e permettere loro di collaborare per il raggiungimento degli stessi obiettivi è rappresentata dai chatbot.

All’interno di una fabbrica, i chatbot possono ricoprire il ruolo strategico di assistenti virtuali degli addetti alla produzione, fungendo da intermediari tra loro e le macchine e gli strumenti che essi adoperano. 

In particolare, in quanto “esperti di conversazione”, i chatbot basati su sistemi di intelligenza artificiale possono tradurre in un linguaggio comprensibile, semplice e intuitivo (sotto forma di domande e risposte) i dati rilevati dai sensori installati sulle macchine IoT, per agevolare gli operatori umani e guidarli nel loro lavoro.

Img2ai-chatbot-smart-factory

La responsabilità decisionale rimane in carico all’uomo, che però viene coadiuvato in modo smart dai suoi assistenti virtuali intelligenti, integrati ai device IoT e alle tecnologie di Industrial Analytics.

 

Hai già scoperto le potenzialità che un chatbot basato sull’intelligenza artificiale potrebbe offrire alla tua azienda?

Contattaci senza impegno per scoprire come integrare un assistente virtuale all’interno della tua strategia di business.

Contattaci

  
Articoli industry_4_0

Softec S.p.a.

Headquarter
Piazzale Lugano 19
20158 Milano, Italia

Tel: +39 02 89968.1
Fax: +39 02 89968.556